(fonte immagine commons.wikimedia.org)

COS’E IL VERDE STABILIZZATO?
La stabilizzazione dei vegetali è un processo unico e totalmente ecologico che consiste nel sostituire la linfa con un prodotto di conservazione, ovvero una sostanza simile allo zucchero, 100% biodegradabile, a base di glicerina naturale, acqua e coloranti alimentari.
Fiori e piante vengono raccolte nel momento migliore della loro vita, ovvero all’apice della loro bellezza, e vengono portate in un ambiente con microclima ideale per la  loro sopravvivenza, dove ci sia un perfetto equilibrio tra umidità, calore e luce.
Una volta inserite in questo ambiente, le piante vengono immerse in vasche contenenti il composto liquido a base di glicerina, che a distanza di alcuni giorni sostituisce la linfa naturale della pianta che nel frattempo è evaporata. A fine processo, le piante vengono accuratamente risciacquate e messe ad essiccare per alcuni giorni. Grazie a tale processo le piante conservano la loro forma, flessibilità e freschezza naturale senza alcuna manutenzione e possono durare per un periodo compreso fra i 7 e i 10 anni. Insomma vegetazione, al tatto e alla vista come se fosse assolutamente fresca e appena “colta” ma che non necessita di irrigazione, di luce o temperature particolari.
Non soffre temperature alte o basse e vive d’aria: l’unica cosa che lo può rovinare, infatti, è un’eccessiva umidità (superiore al 70%) o un’esposizione continua e diretta ai raggi solari.
Il verde stabilizzato, infatti, si presta a fare entrare la natura, anche in quegli ambienti in cui, per carenza di luce o acqua, non è possibile utilizzare verde vivo; ma, in più, consente applicazioni in verticale che per il verde vivo sarebbero impossibili o troppo onerose, come la copertura di pareti intere con pannelli di muschi o licheni, o con quadri spettacolari composti da numerose essenze vegetali.

COME UTILIZZARE IL VERDE STABILIZZATO?
L’effetto del verde stabilizzato è veramente sorprendente e le composizioni che si possono andare a creare sono le più svariate e danno spazio a mille idee originali. Naturalmente essendo un prodotto artigianale è anche facile richiedere una soluzione su misura per il vostro spazio.
L’alta possibilità di personalizzazione si traduce nella realizzazione di numerose e differenti composizioni che diventano veri e proprio elementi di arredo. D’altra parte, possono essere stabilizzate piante di dimensioni tutt’altro che ridotte come cipressi, eucalipti, palme, topiarie. E c’è chi sceglie il verde stabilizzato come cornici per gli specchi: l’effetto è assicurato. Dal soggiorno alla cucina, passando per la cameretta dei ragazzi, qualsiasi ambiente della casa può ospitare ed essere valorizzato dalle piante stabilizzate.
Lo si può immaginare come una sorta di texture, anche tridimensionale, per valorizzare determinati sfondi o prospettive, anche di grandi dimensioni”.
Oltre caratteristiche estetiche, il verde stabilizzato ne possiede alcune molto interessanti per il progetto domestico, come quella di assorbire e rilasciare umidità e di offrire prestazioni fonoassorbenti, oltre ad agire sul benessere psicofisico delle persone trasmettendo la confortante presenza della natura.